Tag Archive: Giovanni Paolo II


Immagine

Salve, o Madre, Regina del mondo.
Tu sei la Madre del bell’Amore, 
Tu sei la Madre di Gesù fonte di ogni grazia, 
il profumo di ogni virtù, lo specchio di ogni purezza.
Tu sei gioia nel pianto,
vittoria nella battaglia, speranza nella morte. 
Quale dolce sapore il tuo nome nella nostra bocca,
quale soave armonia nelle nostre orecchie, 
quale ebbrezza nel nostro cuore! 
Tu sei la felicità dei sofferenti,
la corona dei martiri,la bellezza delle vergini. 
Ti supplichiamo, guidaci dopo questo esilio al possesso del tuo Figlio, Gesù. Amen.

480550_552916984721085_1808552827_n

 

“Se non è quest’anno sarà il 2014. Siccome Giovanni Paolo II ha fatto più di un miracolo, ce ne sarà uno valido per la sua canonizzazione”. Così il card. Giovanni Battista Re, tra i più stretti collaboratori di Karol Wojtyla, ha risposto ad una domanda sulla possibilità che il Papa polacco venga proclamato santo entro l’anno. “So che fino a qualche tempo fa erano esaminati tre o quattro miracoli per vedere quale fosse il più ‘solido’.”

20626_437762139624192_1446802597_n

Verbo Incarnato, che nuovamente condividi con noi il tuo Natale
insegnaci a condividere con gli altri i nostri progetti di pace e solidarietà.

Tu che nella Grotta di Betlemme hai proposto agli uomini di ogni tempo un itinerario di amore e riconciliazione illumina l’umanità di oggi a ritrovare la strada che porta ad incontrare l’altro nel dialogo, nell’amore e nel rispetto profondo.

Piccolo grande Dio, che nell’umiltà più sentita hai indicato in Te la via maestra che porta alla verità aiutaci ad eliminare da questa terra l’orgoglio, la falsità e la menzogna, cause dirette del male del mondo moderno.

Tu che leggi nel profondo di ogni cuore trasforma i nostri personali risentimenti in atteggiamenti e comportamenti fraterni, gli unici che danno gioia vera e trasformano il Natale in festa vera.

Messia atteso da secoli e giunto nella pienezza dei tempi guida l’umanità del terzo millennio verso mete di giustizia più certe per ogni uomo di questa Terra.

Tu che tutto sai e puoi conosci le attese di ciascuno di noi anche per questo annuale anniversario della tua venuta tra noi fa nascere nel cuore di tutti gli uomini della terra un solo raggio della tua infinita carità e della tua bontà illimitata.

Non permettere, Gesù, Figlio dell’Uomo, che nessun bambino, giovane, adulto ed anziano del Pianeta Terra continui a soffrire a causa della cattiveria che si annida nel cuore di tanta gente.

Fa di tanti cuori segnati dall’odio e dalla morte cuori capaci di amare e di perdonare come tu hai perdonato alla Maddalena, ai tuoi crocifissori ed al buon ladrone morto in croce accanto a Te sul Golgota.

Dalla capanna di Betlemme anche quest’anno si irradi in tutto il mondo la luce del tuo Natale, che è sempre motivo di speranza e di pace per l’intera umanità. ( Di Papa Giovanni Paolo II )

Immagine

Dio dei nostri padri,
grande e misericordioso,
Signore della pace e della vita,

Padre di tutti.
Tu hai progetti di pace e non di afflizione,
condanni le guerre
e abbatti l’orgoglio dei violenti.

Tu hai inviato il tuo Figlio Gesù
ad annunziare la pace ai vicini e ai lontani,
a riunire gli uomini di ogni razza
e di ogni stirpe
in una sola famiglia.

Ascolta il grido unanime dei tuoi figli,
supplica accorata di tutta l’umanità:
mai più la guerra, avventura senza ritorno,
mai più la guerra, spirale di lutti e di violenza,
minaccia per le tue creature,
in cielo, in terra e in mare.

In comunione con Maria, la Madre di Gesù,
ancora ti supplichiamo:
parla ai cuori dei responsabili
delle sorti dei popoli,
ferma la logica della ritorsione
e della vendetta,
suggerisci con il tuo spirito soluzioni nuove,
gesti generosi e onorevoli,
spazi di dialogo e di paziente attesa
più fecondi delle affrettate scadenze
della guerra.

Concedi al nostro tempo giorni di pace.

Mai più la guerra!

Immagine

Madre degli uomini e dei popoli,

aiutaci a vincere la minaccia del male

che affonda così facilmente le sue radici

nel cuore degli uomini d’oggi e che, con i suoi effetti incommensurabili,

già grava sulla vita attuale e sembra chiudere le vie verso l’avvenire.