Category: Vita


In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. Anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».
Allora Pietro disse: «Signore, questa parabola la dici per noi o anche per tutti?».
Il Signore rispose: «Chi è dunque l’amministratore fidato e prudente, che il padrone metterà a capo della sua servitù per dare la razione di cibo a tempo debito? Beato quel servo che il padrone, arrivando, troverà ad agire così. Davvero io vi dico che lo metterà a capo di tutti i suoi averi.
Ma se quel servo dicesse in cuor suo: “Il mio padrone tarda a venire”, e cominciasse a percuotere i servi e le serve, a mangiare, a bere e a ubriacarsi, il padrone di quel servo arriverà un giorno in cui non se l’aspetta e a un’ora che non sa, lo punirà severamente e gli infliggerà la sorte che meritano gli infedeli.
Il servo che, conoscendo la volontà del padrone, non avrà disposto o agito secondo la sua volontà, riceverà molte percosse; quello invece che, non conoscendola, avrà fatto cose meritevoli di percosse, ne riceverà poche.
A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più».

 

Parabola_dei_talenti

 

 

Il Signore con questa riflessione ci fa stare sempre allerta, come qualcuno che fa la guardia alla sua casa in attesa che venga il ladro.

Non sappiamo quando verrà il Signore a renderci conto della nostra vita, delle nostre azioni, dei nostri giudizi. Abbiamo poco tempo per essere misericordiosi, per pregare, per riconoscere nostro Signore attraverso il nostro fratello bisognoso. Abbiamo ricevuto dei doni da nostro Signore e questi doni torneranno a Lui e vuole che noi li facciamo fruttificare questi doni, non stiamo sempre in disparte ad aspettare il momento propizio per metterci in gioco. Creiamoci da soli i nostri momenti di azione, diffondiamo la Parola di Dio, non facciamoci trovare dal Signore impreparati.

Annunci

Una donna in un negozio, si avvicinò al padrone e umilmente gli chiese se poteva prendere alcuni alimenti a credito.
Con delicatezza gli spiegò che suo marito si era ammalato in modo serio e non poteva lavorare e i loro sette figli avevano bisogno di cibo.
Il padrone non accettò e le intimò di uscire dal negozio. Conoscendo la reale necessità della sua famiglia la donna suplicò: “Per favore, signore, glielo pagherò non appena posso”.
Il padrone ribadì che non poteva farle credito, e che lei poteva rivolgersi ad un altro negozio. In piedi, vicino al banco, si trova un giovane sacerdote che aveva ascoltato la conversazione tra il padrone del negozio e la donna.
Il sacerdote si avvicinò e disse al padrone che avrebbe pagato quello che la donna avrebbe preso per il bisogno della sua famiglia, allora il padrone con voce riluttante, chiese alla donna: “Hai la lista della spesa?”. La donna disse “Si, signore”. “Bene” disse il padrone “metta la sua lista sul piatto della bilancia e le darò tanta merce quanto pesa la sua lista”.
La donna esitò un attimo e, chinando la testa cercò nel suo portafoglio un pezzo di carta, scrisse qualcosa e poi posò il foglietto su un piatto della bilancia. Gli occhi del padrone e del sacerdote si dilatarono per lo stupore, quando videro il piatto della bilancia, dove era stato posato il biglietto, abbassarsi di colpo e rimanere abbassato.
Il padrone del negozio, fissando la bilancia, disse: “E’ incredibile” Il sacerdote sorrise e il padrone cominciò a mettere sacchetti di alimenti sull’altro piatto della bilancia. Pur continuando a mettere molti alimenti, il piatto della bilancia non si muoveva, fino a che si riempì. Il padrone rimase profondamente stupito.
Alla fine, prese il foglietto di carta e lo fissò ancora più stupito e confuso… non era una lista della spesa! Era una preghiera che diceva: “Mio DIO, Tu conosci la mia situazione e sai ciò di cui ho bisogno: metto tutto nelle tue mani!”.
Il padrone del negozio, in silenzio, consegnò alla donna tutto ciò che aveva messo nel piatto della bilancia. La donna ringraziò e uscì dal negozio.
Il giovane sacerdote, consegnando una banconota da 50, disse al padrone: “ORA SAPPIAMO QUANTO PESA UNA PREGHIERA” ……..
Il nome di quel sacerdote era: KAROL WOJTYLA

 

480550_552916984721085_1808552827_n

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Siate pronti, con le vesti strette ai fianchi e le lampade accese; siate simili a quelli che aspettano il loro padrone quando torna dalle nozze, in modo che, quando arriva e bussa, gli aprano subito.
Beati quei servi che il padrone al suo ritorno troverà ancora svegli; in verità io vi dico, si stringerà le vesti ai fianchi, li farà mettere a tavola e passerà a servirli.
E se, giungendo nel mezzo della notte o prima dell’alba, li troverà così, beati loro!».

 

Il Signore ci chiama oggi ad essere sempre pronti in ogni momento. Essere pronti con le buone azioni, con la sua parola di vita, con il suo messaggio d’amore, vuole che lo diffondiamo in tutto il mondo, nelle nostre realtà quotidiane, sul nostro posto di lavoro, fra gli amici, ovunque in ogni luogo.

Non sarà mai troppo tardi per seminare i semi dell’amore e per vedere spuntare i germogli di nostro Signore

braccia

 

Se è vero che nella vita non è importante rispondere a tutte le domande, bensì porsi quelle giuste, allora l’interrogativo che Gesù pone alla fine del suo racconto, a proposito della necessità di pregare sempre, ci riguarda molto da vicino e non può restare senza una nostra personale risposta. Si deve pregare sempre perchè ogni momento è quello in cui il Signore viene, ossia si rende presente a noi.

D’altronde, il Cristo risorto dai morti è il Veniente, cioè Colui che viene. La salvezza avviene in questo nostro tempo profano che è illuminato dal dono immenso della fede che già ci rende partecipi della vita nuova. L’eucarestia che celebriamo è preghiera incessante che sale al Padre per i meriti di Gesù Cristo nella forza dello Spirito Santo.

LA RICERCA DELL’UOMO

cercare

 

Qual’è quella cosa che l’uomo non fa altro che cercare,cercare e cercare fino alla disperazione, fino all’esasperazione e addirittura si muore anche nel tentativo di cercarlo…..

la risposta è questa: IL LAVORO

Cerchiamo sempre e solo lavoro, siamo in tanti a cercarlo.

Tante persone in Italia e nel mondo cercano un lavoro, un occupazione , un SENSO PER LA LORO ESISTENZA

Non stiamo chiedendo la vincita del superenalotto, di vivere da comodoni, di essere privileggiati

Chiediamo di essere trattati da esseri umani, chiediamo l’essenziale per la nostra vita, chiediamo un lavoro per ogni uomo e donna che vuole vivere, sposarsi, formare una famiglia……….

SENZA IL LAVORO NON CI PUO’ ESSERE VITA

NOI VOGLIAMO LAVORARE PER VIVERE E NON PER ESSERE RICCHI

Quando i nostri politici lo capiranno sarà troppo tardi  perchè non ci sarà più vita

Ecco in cosa consiste la fine del mondo

Una positività totale nella vita deve guidare l’animo del cristiano, in qualsiasi condizione si trovi, qualsiasi rimorso abbia, qualsiasi ingiustizia senta pesare su di sé, qualunque oscurità lo circondi, qualunque inimicizia, qualunque morte lo assalga, perché Dio, che ha fatto tutti gli esseri, è per il bene.
Dio è l’ipotesi positiva su tutto ciò che l’uomo vive.

LE NOSTRE 24 ORE

24439_10151298967408643_991821812_n

 

“Ogni giorno ti vengono consegnate ventiquattro ore d’oro;
sono tra le poche cose che,
su questa terra,
ti sono date gratuitamente.
Se anche possedessi montagne di denaro,
non potresti comprare neanche un’ora aggiuntiva.
Che cosa farai con questo tesoro inestimabile?
Rammenta, devi usarle,
poichè ti vengono concesse una sola volta.
E, se le sprechi,
non potrai recuperarle.
L’importanza di una vita felice non può essere esagerata.
Pensa a ogni singolo giorno come a una cosa senza prezzo.
Se ne prendi una serie e li metti tutti in fila,
otterrai un anno;
se raggruppi più anni,
avrai un’intera esistenza,
fatta di amore,
felicità, onestà,
speranze e sogni”.

INIZIO 2013

terra-amore

 

1° giorno del 2013

buon giorno all’amore della mia vita …. la giornata comincia insieme a lei, il tempo di prepararci e poi si sale in macchina per andare a mangiare dai miei.  Nell’andare in viaggio quando potevo cercavo sempre di cogliere il suo sguardo, la sua dolcezza, tutto il suo amore. Anche cantare insieme la Santa messa della sera è stato bellissimo, cantare insieme nello stesso coro. una speranza che davvero non pensavo fosse possibile.

Per la chiesa cattolica questo è l’anno della fede, lo è anche per me ovviamente  ma per me voglio che sia anche L’ANNO DELL’AMORE

W L’AMORE   SENZA L’AMORE NON SI PUO’ VIVERE

IL CIOCCOLATO CALDO

577812_439941079406298_1433437306_n

 

Un gruppo di laureati, affermati nelle loro carriere, discutevano sulle loro vite durante una riunione. Decisero di fare visita al loro vecchio professore universitario, ora in pensione, che era sempre stato un punto di riferimento per loro. Durante la visita, si lamentarono dello stress che dominava la loro vita, il loro lavoro e le relazioni sociali.
Volendo offrire ai suoi ospiti un cioccolato caldo, il professore andò in cucina e ritornò con una grande brocca e un assortimento di tazze. Alcune di porcellana, altre di vetro, di cristallo, alcune semplici, altre costose, altre di squisita fattura.

Il professore li invitò a servirsi da soli il cioccolato. Quando tutti ebbero in mano la tazza con il cioccolato caldo il professore espose le sue considerazioni dicendo :
” Noto che son state prese tutte le tazze più belle e costose, mentre son state lasciate sul tavolino quelle di poco valore. La causa dei vostri problemi e dello stress è che per voi è normale volere sempre il meglio. La tazza da cui state bevendo non aggiunge nulla alla qualità del cioccolato caldo. In alcuni casi la tazza è molto bella mentre alcune altre nascondono anche quello che bevete. Quello che ognuno di voi voleva in realtà era il cioccolato caldo. Voi non volevate la tazza… Ma voi consapevolmente avete scelto le tazze migliori. E subito, avete cominciato a guardare le tazze degli altri. Ora amici vi prego di ascoltarmi… La vita è il cioccolato caldo… il vostro lavoro, il denaro, la posizione nella società sono le tazze. Le tazze sono solo contenitori per accogliere e contenere la vita. La tazza che avete non determina la vita, non cambia la qualità della vita che state vivendo. Qualche volta, concentrandovi solo sulla tazza, voi non riuscite ad apprezzare il cioccolato caldo che Dio vi ha dato. Ricordatevi sempre questo: Dio prepara il cioccolato caldo, Egli non sceglie la tazza. La gente più felice non ha il meglio di ogni cosa, ma apprezza il meglio di ogni cosa che ha ! Vivere semplicemente. Amare generosamente. Preoccuparsi profondamente. Parlare gentilmente. Lasciate il resto a Dio. E ricordatevi: La persona più ricca non è quella che ha di più, ma quella che ha bisogno del minimo. Ora godetevi pure il vostro caldo cioccolato !! “

 

 

 

 

 

Supponiamo che tu abiti in un appartamento ai piani alti. Nel davanzale della tua stanza c’è una margherita solitaria. Stamattina l’hai raccolta e messa all’occhiello. Dal momentoche hai soltanto una pianta questo è un grande evento, è una margherita speciale. Ma appena sei fuori dalla porta, la gente comincia a strappare i petali della tua margherita.

Qualcuno ruba il tuo posto a sedere nella metropolitana. Primo petalo strappato.Vieni incolpato di qualcosa che invece aveva commesso un tuo collega. Altri tre petali strappati. La promozione che ti spettava viene data a qualcuno con meno esperienza ma piùintraprendente. Ancora petali strappati. Alla fine della giornata ti è rimasto solo un petalo.

Guai a chi osa avvicinarcisi! Ancora un petalo strappato ed esplodi! Cosa succederebbe se lo scenario venisse leggermente cambiato? Aggiungiamo un personaggio. La persona gentile che abita nell’appartamento accanto al tuo è il proprietario del negozio di fiori all’angolo. Ogni sera, rientrando a casa, bussa alla tua porta e ti porta un bouquet di fiori freschissimi che tu non hai fatto niente per meritare. Non sono fiori che gli sono avanzati. E’ un bouquet fatto a regola d’arte. Non riesci a capire perché lui ha una tale ammirazione nei tuoi riguardi, ma certo non ti dispiace. Per merito suo il tuo appartamento ha una fragranza dolcissima, e i tuoi passi sono felici e sereni. Se qualcuno dovesse strapparti il fiore, tu ne hai un cesto pieno per poterlo rimpiazzare.

Dio riempie il tuo mondo di fiori, te ne consegna, personalmente, un bouquet ogni giorno. Apri la porta! Accetta i fiori! Così, quando arrivano le difficoltà, non sarai a corto di petali. “Riponi la tua speranza nel Signore, che ci fornisce abbondantemente di ogni cosa perché ne godiamo”.